Ponte san Nicolò PD
+393926677020
info@prolocopontesanicolo.it

Dialogo tra Madonna di Casa Rezzonico ed un elettricista ignorante

E = Elettricista muratore alquanto ignorante in arte e storia

M= Madonna con Bambino con baldacchino in rame di casa Rezzonico scolpita in marmo bianco..

Luogo = La sommità arginale di via L. da Vinci per Ponte San Nicolò e via Petrarca per Polverara al confine tra Roncajette e Isola d’Abbà.

E – Che streta che xe sta strada. Go da metare un palo dea luce e semo in discesa su ea strada streta. Mi fasso un buso qua fora da ea discesa e metto un plinto.

M – Ma cosa stai cercando figliolo?

E – Chi parla? Che go ciapà na paura? So drio vedare un posto bon par fare un bel buso e mettere un plinto .

M – Ma cos’è un plinto? Io non ne ho mai visto uno nè sentito parlare;

E – El plinto l’è un blocco de cemento come un tombin grosso con un buso per mettere un paeo dea luce.

M – E perchè mi metti un palo della luce davanti agli occhi?

E – Ma ti chi sito da fare domande?

M – Sono la Madonna di Casa Rezzonico e abbelisco questo posto dal 1700.

E – Mi no so gnente. Nessuno me ga dito che in curva ghe xe na Madona;

M – Ma chi vuoi che ti dica una cosa del genere devi essere tu stesso che te ne rendi conto guardandomi in faccia;

E – Lo so che quei de Polvarara ga sempre qualcosa da ridire ma mi go da mettere su un paeo dea luce.

M – Caro figliolo tu il palo della luce non lo metti per me io sono stella del mattino.

E – Ma quae stella del mattino i te ga messo su un canton .

M. No caro mio non mi hanno messo su un canton mi hanno messo su un piedistallo bellissimo fatto in unico blocco di marmo bianco e con il baldacchino in rame per proteggermi dalle intemperie;

E – Si ma el piedistallo no se vede e la strada xe streta.

M – Certo il piedistallo si vede poco perchè nel 1700 quando mi hanno messo su questo luogo l’argine era molto più basso di ora e così la strada. E ricordati che le strade antiche erano tutte strette. non si facevano allora le autostrade . Viaggiavano le carrozze non i tir.

E – Mi no so ghente, mi el plinto lo metto qua sul canton.

M – Ma non vedi che il plinto oscura il blasone della famiglia Rezzonico;

E – Qua non ghe xe nessuno che se ciama Rezzonico.

M – Lo so… la famiglia Rezzonico ha avuto il suo splendore nel 1700 e proprietà, ville e palazzi in tutte le provincie venete ora è estinta perchè non ha più avuto eredi.

E – E mi ghe meto el plinto davanti. Tanto chi vuto che varda un stemma imbusà;

M – Ma non c’è solo lo stemma si tratta di una bellissima opera d’arte tutta in marmo scolpita a mano come si usava nel 1700.

E – Mi no mega dito nessuno che in sto arzare ghe xe opere d’arte;

M – Ma lo dovresti saper ricoscere da solo un’opera d’arte, non serve che te lo dicano;

E – Mi no me interessa l’arte; go solo da piassare sto plinto e desso fasso el buso proprio qua sul canton col scavatore ;

M – Ma a scuola hai studiatoEducazione artistica ? Qualcuno ti ha insegnato a distinguere il bello dal brutto?

E – Educassion cossa! Ae medie gavevimo na prof che disegnava scarpe. Prima de insegnare ea faseva ea scarpara.

M – E si vede non ti ha trasmesso molto. Ma il tuo insegnante di storia, di italiano non ti ha parlato della storia della Serenissima Repubblica Veneta della sue famiglie nobili. Lo sai che noi della famiglia Rezzonico abbiamo avuto il Vescovo di Padova, poi divenuto papa ed ha assunto il nome di Clemente XIII °. Quello stemma con le due torri è lo stemma di una delle più importanti famiglie nobili di Venezia. La mamma del papa era una Barbarigo. Ti dicono nulla questi nomi?

E – Non so gnente de ste storie e el plinto lo meto qua, tutto in fora cossì fasso prima. Varda go quasi fato el buso col miniscavatore e desso geto el cemento. Proprio un bel lavoro!

M – Ma non vedi che oscuri e deturpi un monumento?

E – No femo storie è ! Sta bona che no te fassi storie coi monumenti e i stemmi che no vaga a finire che i me blocca i lavori parchè ghe xe i monumenti dei venessiani pissainacqua;

M – Ma il gusto del bello dovrebbe farti riflettere. Pensa allo scultore che mi ha raffigurato come splendore di grazia, come rosa mistica;

E – Go fato un bel buso e seto cossa te digo! Mi qua meto anche na bea casseta de plastica grigia pal telefono piena dei fii e sul buso passo i cavi;

M – Cosa? Anche una cassetta di plastica davanti alla Casa d’oro, alla Torre d’Avorio al Tabernacolo dello Spirito Santo? Non ti sembra un oltraggio?

E – No no ma quaea casa de oro, no voria che i me bloccasse i lavori e allora ghe metto tutto dentro sto buso anca un altro paeo de fero. Non se sa mai.

M – Ma hai abbruttito la villa dei Rezzonico e la madre del Bambino Gesù che porto in braccio .

E – Be adesso me so proprio stufà . saro el buso e vago via, te vedarè che no me ciama più nessuno. Se raconto in giro che go parlà co ea Madona de Casa Rezzonico a Roncajette i me ciapa par mato. Mejo che diga a quei de l’uffico tenico: “gavio altri busi da fare”?

Leone Barison

Total Page Visits: 2958 - Today Page Visits: 5